Greve in Chianti - Chianti

RICERCA HOTEL


Arrivo
Partenza

 

Hotel in Florence
Hotel in Florence

Hotel a Firenze

 

B&B a Firenze

 

Info utili:

alcune informazioni pratiche utili per visitare la Chianti

Leggi »

News

Assistenza Clienti

Assistenza Clienti


Greve in Chianti - Chianti

 

Greve in Chianti

Il cuore della regione del Chianti è Greve in Chianti. La cittadina è adagiata su una valle coltivata a viti e ulivi, vicina al corso del fiume Greve.
I primi insediamenti in questa zona della Toscana sono di epoca Etrusca, ma è a partire dal medioevo che la cittadina inizia a crescere, da prima all’ombra del Castello di Montefioralle, poi in maniera sempre più autonoma.
Trovandosi in un crocevia importante per il passaggio ed i commerci, Greve vide la nascita, all’interno del proprio territorio di un hospitale per pellegrini e viaggiatori, gestito dalla società del Bigallo di Firenze, nonché un convento francescano, di cui oggi rimane testimonianza solo nella chiesa di San Francesco.
Ma la vocazione di Greve fu soprattutto quella di rappresentare un luogo di scambio tra persone e merci, di essere, in una parola, un mercato. E Piazza Matteotti, la piazza principale della città, ha esattamente la funzione di luogo di mercato e di scambio e le sue dimensioni danno un’idea piuttosto chiara del numero di merci e commercianti che, in varie epoche hanno arricchito il paese.
L’importanza economica della cittadina, venne consacrata con l’epoca leopoldina, tanto da essere candidata a capoluogo della regione.
La Piazza Matteotti, la piazza principale del paese, è anche la più ricca di vita, soprattutto nel periodo estivo. L’architettura della piazza è stata abbellita, a inizio secolo, delle terrazze sorrette da portici che vi si affacciano. Sotto i portici che cingono la piazza, si aprono numerosi negozi, tra cui macellerie, botteghe artigiane e luoghi di ritrovo, come bar e caffetterie.
Al centro della piazza si erge la statua del 1913 dedicata a Giovanni da Verrazzano, cittadino illustre, è nato a Val di Greve nel 1485, e uno dei maggiori navigatori del ‘500, epoca delle grandi scoperte geografiche. Giovanni da Terrazzano solcò più volte l’oceano per finire ucciso dai cannibali nelle Antille.
La fisionomia di Grave è piuttosto moderna, sebbene alcuni edifici ne testimonino l’origine medioevale e le seguenti influenze storiche.
Un lato di Piazza Matteotti è occupato dalla Chiesa di Santa Croce, costruita nel medioevo e rimaneggiata del corso del XIX secolo con elementi neoclassici come il portico a due colonne e tre arcate. All’interno, sono opere di pregio notevole la Madonna e i Santi del Maestro di Greve, e l’Annunciazione della Vergine Maria di Bicci di Lorenzo. Nei pressi merita una visita l’Oratorio di San Francesco, dove sono conservati il cinquecentesco gruppo policromo in terracotta con la Deposizione, le tre Marie e i tre Santi.
Una visita la merita anche la summenzionata chiesa di San Francesco, all’interno della quale è conservato un lavoro in terracotta di Santi Buglioli.

Vicino a Greve in Chianti:
Chiesa di San Cresci a Montefioralle