Volterra - Chianti

RICERCA HOTEL


Arrivo
Partenza

 

Hotel in Florence
Hotel in Florence

Hotel a Firenze

 

B&B a Firenze

 

Info utili:

alcune informazioni pratiche utili per visitare la Chianti

Leggi »

News

Assistenza Clienti

Assistenza Clienti


Volterra - Chianti

 

Volterra

Volterra, come San Gimignano, non si trova propriamente in territorio chiantigiano, ma data la vicinanza ai maggiori centri del Chianti è necessario nominare anche questa localià degna di una visita. C’è però da premettere che recarsi a Volterra vuol dire lasciarsi alle spalle i colori e gli andamenti dolci della campagna senese, per immergersi in una natura più aspra e a tratti spoglia., in cui dominano le “balze” le affascinanti (e micidiali) erosioni del terreno che incombono sul territorio.
Volterra deve però la sua fama al suo essere città etrusca, una delle meglio conservate e più ricche di reperti archeologici dell’intera Toscana. Velathiri era il nome originario di questa città, capoluogo di una delle dodici lucumonie (sorta di provincia) del territorio etrusco. Già nel V secolo prima di Cristo, Volterra vantava una cinta muraria di circa 7 km di diametro, la più ampia che la città abbia mai avuto e fu questo l’ultimo avamposto a cedere ai romani del 260 a.C.
Si capisce quindi l’importanza della città come centro archeologico etrusco, e il museo etrusco Guarnacci, rimane uno dei maggiori. Qui sono conservati reperti di immensa importanza: gioielli, sculture in terracotta, urne in alabastro e la famosa “ombra della sera”, una scultura bronzea rappresentante una figura d’uomo allungata.
Per ammirare i resti romani, teatro e terme, è necessario spostarsi nella zona di Vallebuona.
La città di Volterra ebbe un notevole sviluppo economico, anche grazie all’estrazione e alla lavorazione dell’Alabastro,  anche in altre epoche storiche. Nel 1200 fu libero Comune, per poi passare sotto il dominio fiorentino. Trovandosi però molto vicino alla rivale città di Pisa, ne sentì grandemente l’influenza a livello artistico e architettonico.
Il periodo comunale ha regalato a Volterra un altro primato. Nel 1208 iniziano i lavori per la costruzione del Palazzo dei Priori: è il primo costruito in Toscana e servirà come modello ai palazzi delle altre città comunali della regione.
Sulla stessa piazza in cui sorge il Palazzo dei Priori si trova il Palazzo dei Vescovi. Si trattava di un granaio pubblico adibito a palazzo vescovile alla fine del 1400, ma solo due secoli dopo il vescovo vi soggiornò realmente.
Il Duomo si trova in Piazza San Giovanni, separato dal battistero ottagonale. All’interno del duomo, ricco di opere di valore, merita una sosta la scultura lignea romanica della Deposizione.
Sono degne di nota, e magari di una visita il Museo diocesano di arte sacra, presso l’ex canonica del duomo, la chiesa d San Michele in Romanico Pisano, la Pinacoteca e il Museo civico.